Ernesto Paolozzi

Ti trovi in: Home » Scuola e Università » L'Università italiana
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

L'Università italiana


Il doppio sistema dell'Università italiana
(da "la Repubblica-Napoli" del 30 luglio 2008)

 Con un decreto legge, il governo avvia una parziale privatizzazione della Università italiana e introduce tagli e correttivi di un certo rilievo. Si è levata, alta e forte, la protesta dei Rettori, di molti docenti universitari, con epicentro nella nostra città.
 La trasformazione degli Atenei in Fondazioni private o, meglio, la possibilità che viene data loro di trasformarsi in Fondazioni, soltanto qualche anno fa avrebbe suscitato proteste vigorose in larghi settori della cosiddetta società civile ma, soprattutto, avrebbe scatenato la rivolta degli studenti.
 Non penso soltanto agli anni immediatamente posteriori al Sessantotto, anni nei quali gli Atenei e il Ministero sarebbero stati messi a ferro e fuoco nel senso letterale della parola. Penso anche ad anni più vicini nei quali, certamente ci sarebbero stati cortei, documenti, proclami e così via, da parte degli utenti principali delle Università: gli studenti.
 Eppure alcune critiche al decreto sembrano fondate, oggettive, tali da meritare una maggiore attenzione di quella suscitata in questi giorni. Ne cito una che mi sembra ineludibile: le Università del Nord, e quelle a carattere tecnologico e scientifico in primo luogo, saranno avvantaggiate, con ogni probabilità, nel reperire fondi privati, mentre è evidente che le Facoltà umanistiche e tutte quelle meridionali (con le dovute eccezioni, naturalmente) finiranno al palo. Non è difficile ipotizzare un doppio sistema dell'istruzione italiano, un po' come quello americano, con un segmento privato almeno in parte eccellente ed un segmento pubblico del tutto insufficiente se non inutile.
 Insomma, un'istruzione di serie A ed una di serie B: la prima per ricchi, la seconda per poveri.
 Naturalmente a questa analisi qualcuno potrà obiettare che, tutto sommato, una drastica selezione darwiniana del sistema dell'istruzione italiano potrà, alla lunga, essere utile.
 Non vogliamo entrare nel merito di tale questione, sulla quale si potrà discutere all'infinito. Il vero problema è che non se ne discute. E che, nell'agenda politica, culturale, civile, morale, del Paese, il tema è collocato in fondo ad ogni classifica, considerato irrilevante, secondario rispetto all'aumento delle zucchine o alla violenza negli stadi o al cattivo funzionamento dei cellulari in alcune zone montuose. Perché?
 Una prima risposta la si rintraccia .........................


Ernesto Paolozzi

http://ricerca.repubblica.it/repubblica?query=ernesto+paolozzi&view=archivio&testata=&sortby=news

Chiedi informazioni Stampa la pagina