Ernesto Paolozzi

Ti trovi in: Home » Pubblicazioni » Il Partito democratico e l'orizzonte della complessità
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Il Partito democratico e l'orizzonte della complessità

Se la democrazia non vivesse un momento di crisi, non si avvertirebbe l'esigenza di fondare un Partito democratico. Il disorientamento dei cittadini, la frammentazione dei partiti, non più legati alle antiche tradizioni politiche, richiedono un grande sforzo di fantasia per costruire un modello nuovo di democrazia, sul piano politico come su quello istituzionale ma, soprattutto, sul terreno della democrazia economica e della libertà della cultura.

            Un nuovo partito riformista può nascere solo se edifica, sulle fondamenta del liberalismo, del socialismo e del cattolicesimo democratico, un nuovo metodo capace di interpretare e modificare la realtà nell' orizzonte della consapevolezza e della responsabilità.

(Guida, Napoli, 2007)

Chiedi informazioni Stampa la pagina